Un altro istante così, di Ornella De Luca.

“Manu vorrei chiederti un favore, potresti leggere il mio nuovo romanzo e darmi un parere sincero?”

Cosa avrei mai potuto rispondere a questa domanda? Ho accettato subito, ovviamente.

Chi mi ha chiesto questo “favore”? Ornella De Luca, la scrittrice più talentuosa che io conosca e che mi fa innamorare ogni volta di tutte le sfaccettature dei suoi romanzi. Il 15 giugno è uscito “Un altro istante così”, un romanzo adrenalinico, carico di sogni e ingenuità, ma anche di tanta paura.

Vi riporto la sinossi:

“Fermati.
Scatta una foto.
Ricorda per sempre.”

Per Marion vivere in Pennsylvania è la cosa più terribile del mondo.
Non sa che disprezzare di più, se il piccolo villaggio Amish dov’è cresciuta o i ragazzi Amish che la corteggiano. O, più probabilmente, il semplice fatto di essere nata Amish.
Niente ha il potere di sconvolgere le sue giornate noiose e ripetitive, e di destarla dai sogni a occhi aperti su un futuro diverso, magari sotto il sole di Los Angeles, finché non trova un mucchio di vestiti abbandonati in un fosso.
Per Tucker svegliarsi nudo e senza memoria delle ultime ventiquattr’ore non è la cosa più terribile del mondo.
Gli capita spesso di bere fino a smarrire il senso della realtà, ma non gli era mai successo di aprire gli occhi dentro una fattoria ottocentesca, in mezzo a una mandria di vacche arrabbiate.
Ricorda solo di essere partito dalla California per cercare una persona e finalmente trovare risposta all’interrogativo che lo tormenta da più di due anni, ma prima deve ritrovare la sua moto e, ah sì, anche i vestiti.

Una corsa verso la libertà lungo la Route 66, al ritmo dei cuori di Marion e Tucker, tra bugie e segreti sepolti nel passato, e un’attrazione inaspettata tutta al presente.
Che mistero si cela nella memoria di una vecchia reflex? E cos’ha a che fare con i tramonti della Città degli Angeli e uno spettacolo teatrale maledetto?

Un altro istante così è un romantic suspense “on the road” AUTOCONCLUSIVO.

CENNI BIOGRAFICI SULL’AUTRICE:
Ornella De Luca è nata il 26/05/91 a Messina ed è laureata in Editoria e giornalismo. Quando non scrive, si occupa dell’agenzia di cui è fondatrice: Ariadna Servizi Editoriali.
Altre pubblicazioni: La consistenza del bianco (Onirica, 2015), Il sacrificio degli occhi (Onirica, 2016), I colori del vetro (Rizzoli, 2017), Adesso apri gli occhi (Self, 2017), L’ultima lanterna della notte (Self, 2018), La sposa promessa (Libromania, 2018), La stazione dei bagagli smarriti (Self, 2018), Dove cade il fulmine (Self, 2018) e Tracce profonde lungo il fiume (Self, 2019).
Pagina Fb: Ornella De Luca – Autrice.

Non si può avere il coraggio senza la paura, ed è esattamente questo che lega i due protagonisti di “Un altro istante così”. Marion e Tucker non potrebbero essere più diversi tra loro, provengono da contesti sociali opposti e conducono vite al limite, sono esattamente agli antipodi in tutto.

Marion è nata e cresciuta in un villaggio Amish in Pennsylvania e sogna la California; mentre Tucker vive a Los Angeles e ha una vita senza regole, con un passato misterioso che lo porta a vivere il presente con una leggera ossessione, paura e con un grande senso di colpa. Il loro incontro è stato molto divertente, il candore di Marion è decisamente anacronistico, e proprio per questo motivo viene guardata con occhi stralunati da tutti quelli che incontra.

La paura è sempre accompagnata dal coraggio, non esistono una senza l’altro, proprio per questo la fuga di Marion dal suo villaggio Amish e il viaggio lungo la Route 66 insieme a uno sconosciuto, fanno di lei l’eroina del romanzo. Apparentemente fragile e sprovveduta, lei ha molte risorse, tra cui la curiosità e la sincerità, insieme a un pizzico di follia.

Tucker è una promessa della boxe, ma qualcosa gli ha impedito di continuare la sua carriera sportiva e lo condurrà proprio vicino al villaggio di Marion per fare delle “indagini”. Trovandosi nudo e rintontito in un pagliaio, senza la sua moto, non può che accettare l’aiuto di questa ragazzina e portarla con lui in California. Peccato che la paura limiti tutte le sue scelte, e che queste portino a cercare di allontanare Marion in tutti i modi.

E’ un romance a tutti gli effetti, ma improvvisamente, come un uragano, arriva un’evoluzione inaspettata: il romanzo diventa adrenalinico, pieno d’azione, con un’escalation che ribalta tutto quello che si poteva immaginare dall’inizio del romanzo. Quando ho terminato la prima lettura, infatti, avevo i battiti accelerati per l’emozione e il coinvolgimento che avevo provato. Con la seconda lettura è stato tutto molto più intenso e mi sono goduta ancora di più tutte le sfumature dei due protagonisti.

Marion e Tucker sono l’impersonificazione del simbolo cinese Yin e Yang, due opposti che si completano e si incastrano perfettamente. Quando la purezza incontra l’esperienza può nascere qualcosa di molto particolare, forte e altrettanto vero. Coraggio e paura, bellezza e fascino, intelligenza e furbizia, sono sempre due lati della stessa medaglia, ma che la rendono tale proprio perché ha un duplice modo per essere osservata.

Sono spiazzato dal suo discorso, pronunciato in un’unica emissione di fiato, come al solito. Dovrei afferrarla da un braccio, darle della sciocca visionaria e riportarla al campeggio. Per poi chiuderla nella sua tenda e tornare indietro a cercare Infinity. Lo so che dovrei farlo, ma resta il fatto che sono qui a fissarla negli occhi (due enormi occhi e nocciola, mi pare di averlo già detto) e a vederci dentro tutto ciò che della vita mi sono perso, tutte le tappe che ho saltato a piè pari per gettarmi direttamente nella fossa dei leoni. Non mi vede rifiutarla subito, così sospira e continua.

<<Non voglio niente più di questo, Tucker, nulla più che un’istantanea. Come con la reflex, no? Un’immagine che valga la pena ricordare e immortalare per sempre. Un momento che vivi e poi, quando finisce pensi: “Wow, vorrei un altro istante così. Solo un altro istante così.”>>

E adesso non mi resta che augurarvi buona lettura…!

Manu

PS: Vi riporto il link per l’acquisto su Amazon:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...