Prometto di amare, di Pedro Chagas Freitas.

Alcuni giorni fa mi sono avventurata nella lettura di un romanzo particolare, privo di un filo logico narrativo apparente, descrittivo ma non troppo, e spesso mi è sembrato fantascientifico per il modo solenne e sacro con cui si parla dell’amore in tutte le sue forme, Pedro Chagas Freitas ha scritto con “Prometto di amare” l’evoluzione di un percorso arduo, quello di innamorarsi e restare innamorati.

Vi riporto la trama:

Traduttore: Ettore Corsini
Editore: Garzanti
Collana: Narratori moderni
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 7 febbraio 2019
Pagine: 320 p., Rilegato

Un romanzo sulle mille forme dell’amore. Un percorso nello straordinario universo delle emozioni e dei sentimenti. Per scoprire che sono loro a guidarci e a fare di noi quello che siamo.

«Un autore che sceglie la sincerità del sentire» – IoDonna

«Prometti di rischiare, di sentire. Prometti di muoverti, tutti i giorni, come un pazzo, inseguendo ciò che desideri, inseguendo ciò che ti fa danzare, saltare, ridere. Nella vita l’importante è restare vivi.»

Sulla panchina, al centro esatto della piazza avvolta dal chiacchiericcio indistinto dei passanti, è seduto un uomo. Sulle gambe un taccuino da cui non si separa mai. Aspetta il momento giusto per aprirlo e annotare gli abbracci più belli di cui è testimone silenzioso. È questo che fa da più di trent’anni: andare a caccia di tutte le braccia che si incontrano e che, quando si stringono, raccontano una storia. La storia del legame inscindibile tra un genitore e un figlio. Quella della riconciliazione tra due fratelli, rimasti separati troppo a lungo. O, ancora, quella della passione che unisce due amanti in un eterno presente da cui non vorrebbero più uscire. Stralci di vita colti in un istante di muta perfezione che parla di amori unici e irripetibili. Perché l’amore è molto più di un segno su un grafico o di una voce nel dizionario. L’amore è un mistero inconoscibile, una dolce pazzia che si insinua in noi per non lasciarci più. È una forza che elude etichette e definizioni, assumendo ogni volta forme diverse: gioia, sogno, felicità. Un balsamo in grado di lenire il dolore e curare le ferite più profonde. Un’esperienza totalizzante che ci costringe a rimettere in discussione le nostre scelte e a trovare il coraggio di mettere a soqquadro il nostro mondo per renderci conto di chi siamo e di quello che ancora abbiamo da dare. E allora, per conoscere questa straordinaria emozione, basta imparare a buttarsi, a rischiare il tutto e per tutto senza pensarci troppo, ad aprire il cuore anche quando nessuno sembra avere la chiave giusta per entrare. Pazzo è chi non si abbandona alle promesse dell’amore.
Dopo Prometto di sbagliare, Pedro Chagas Freitas torna a parlare di sentimenti con uno stile toccante e personalissimo. Prometto di amare è un invito a non arrendersi mai, a cercare l’amore ovunque. L’amore per cui siamo disposti a sacrificare ogni cosa perché ci fa sentire vivi e ci permette di cogliere ogni sfumatura dell’esistenza. Anche la più impercettibile.

La principale voce narrante del romanzo è quella di un uomo, che annota ciò che lo colpisce mentre sta seduto su una panchina. Il suo taccuino pullula di appunti, di ciò che osserva, di ciò che ricorda e di ciò che vive. A tratti sembra che a narrare siano anche altre persone, ma tutte le voci diventano un coro: tutti parlano della stessa vita, degli stessi eventi, ma con sfumature leggermente diverse dettata dalla soggettività.

E’ un percorso molto arduo innamorarsi, provare l’amore e mantenerlo tale. Prometterlo è qualcosa di solenne, non si promette nulla che non si possa mantenere, ma l’autore ha le idee molto chiare in merito: si può mantenere l’amore e continuare ad essere innamorati una sola volta nella vita.

Confesso che durante la lettura spesso ho strabuzzato gli occhi, ritenendolo un romanzo fantascientifico, Probabilmente, lo scetticismo dell’ignoto fa vedere utopico ciò che non lo è. Non scoraggiatevi, se non troverete un filo logico, una sequenza temporale precisa. Questo romanzo è esattamente come il sentimento dell’amore: privo di logica.

Manu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...