Due donne alla Casa Bianca, di Amy Bloom.

Le biografie sono il modo più bello per regalare un punto di vista diverso al lettore; entrare nella vita di un personaggio del passato o del presente, può dare quella spinta per prendere coraggio, o togliere quei dubbi che impediscono di prendere una decisione. Sarà per questo che spesso mi ritrovo a leggere le biografie di uomini e donne che la storia ricorda per il loro contributo all’umanità.

Eleanor Roosevelt verrà ricordata per essere stata la moglie di uno dei migliori presidenti degli Stati Uniti d’America, ma rumours hanno fatto trapelare di una sua presunta relazione extraconiugale con una giornalista, Lorena Hickok. Questo è “Due donne alla Casa Bianca”, di Amy Bloom.

Vi riporto la trama:

Traduttore: Giacomo Cuva
Editore: Fazi
Collana: Le strade
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 29 agosto 2019
Pagine: 399 p., Brossura

Con grande delicatezza Amy Bloom ci racconta la difficile e intensa storia d’amore fra Eleanor Roosevelt e l’amica giornalista Lorena Hickok sullo sfondo degli anni della presidenza Roosevelt: un complesso intreccio domestico all’interno della cornice di un’epoca che non smette di affascinare.

«Un romanzo profondamente intimo sulla scandalosa relazione tra Eleanor Roosevelt e l’amica Lorena Hickok, raccontata con una voce unica e meravigliosa» – Joyce Carol Oates

«Una grande scrittrice. Una delle voci letterarie più uniche e grandi d’America» – Colum McCann

«La Bloom traccia un quadro perfetto di questo complesso triangolo domestico» – The New York TimesCorre l’anno 1945 e la radio americana annuncia che la vittoria è imminente. Franklin Delano Roosevelt, venuto a mancare da pochi giorni, non ha vissuto abbastanza per vederla con i suoi occhi. In un appartamento di New York suona il campanello: è una donna, gli occhi bordati di rosso e l’aria di chi non ha mai sorriso in vita sua; un cappotto nero troppo grande, le calze in filo di Scozia allentate. È Eleanor Roosevelt, la First Lady. Ha appena perso il marito e si rifugia nell’appartamento del suo vero amore, la giornalista Lorena Hickok. Da qui inizia il racconto della relazione amorosa fra le due donne, una relazione trentennale cominciata all’epoca in cui Lorena viene incaricata di seguire la campagna elettorale di Roosevelt e si insedia così alla Casa Bianca. Molto diverse per provenienza e inizialmente diffidenti l’una verso l’altra, le due donne si scoprono col tempo anime gemelle. Il loro amore è un segreto in realtà noto a tutti, del quale in queste pagine viene messa in scena la dimensione più intima e privata: «Dicevamo sempre: non siamo due bellezze, perché era impossibile dire la verità. A letto invece eravamo due bellezze. Eravamo dee. Le ragazzine che non eravamo mai state: amate, impertinenti, felici e deliziose». Sullo sfondo di questa grande storia d’amore, i fasti della vita presidenziale, le cene con i personaggi di spicco dell’epoca e le grandi contraddizioni di Roosevelt, uomo affascinante e fine stratega, ma nel privato spesso freddo e a tratti crudele.

Amy Bloom riesce a scrivere di uno scandalo con estrema delicatezza, per alleggerirlo ma allo stesso tempo renderlo meno biasimabile. L’equilibrio di un matrimonio spesso non può essere descritto a chi non ne fa parte, così come non si possono comprendere razionalmente le ragioni che portano ad avere un’amica come amante, e magari anche molto vicina all’ambiente coniugale. Eleanor Roosevelt era una donna fragile e infelice, invisibile agli occhi del marito che faceva la sua scalata sociale e politica, cieco nel vedere le necessità di sua moglie e sordo nell’ascoltare il suo disagio.

Resta un’opera di fantasia, ma vale la pena leggere di questo amore che dura negli anni, di uno scandalo che è stato taciuto e insabbiato. Quando l’amore non è convenzionale, etero, che dir si voglia, si grida allo scandalo; io ci vedo soltanto amore e voglia di trovare una persona che non sia cieca e che non sia sorda.

Manu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...